Teatro del sale, Firenze, 2003

  • gruppo di progetto: André Benaim
  • strip_color1: #f2bf6c
  • strip_color2: #a31d24
  • strip_color3: #8c5737
  • Titolo esteso: Teatro del sale, Firenze, 2003, 500 mq

Sant’Ambrogio a Firenze, quartiere popolare, location accanto al mercato. Si interviene in quello che una volta era un magazzino del mercato, e, negli ultimi decenni un laboratorio di marmista. Due fondi su strada, un locale interno, alcuni vani scollegati, si studia come trasformarlo in un locale adatto allo spettacolo, un piccolo teatro vero e proprio con palcoscenico e tecnici. Si lavora sulle quote lasciando una rampa di accesso, quasi che la strada entri dentro. Si taglia lo spazio creando un negozio che immette, creando una s, nel locale teatro e somministrazione. Un fronte vetrato raccoglie la “macchina” della cucina al piano terra con vetro trasparente e gli impianti al piano superiore chiusi da vetri rossi. Le basi delle colonne in cemento per l'abbassamento dovuto ai macchinari, diventano appoggi in ferro per gli avventori. Il lato destro verso il palcoscenico, rimane alla quota originaria, più alta. All’interno poltrone da salotto si alternano alle cento sedie da regista rosse. Porte e molti altri elementi di recupero, come il bancone, completano il teatro del sale.